ACCEDI AI CORSI
Accedi

Triennale - Scienze Motorie indirizzo Calcio

L'Università Telematica San Raffaele Roma e l'Associazione Italiana Calciatori


presentano il primo corso di laurea sul Calcio in Italia con il patrocinio di

Il Corso di Studi in “Scienze Motorie Curriculum Calcio” (Classe L-22) è progettato e strutturato al fine di fornire ai propri laureati competenze integrate relative alla comprensione, progettazione, conduzione e gestione di attività motorie, gestionali, tecniche e sociologiche legate alla disciplina sportiva del calcio, a tutti i livelli.

Il corso di studi triennale in scienze motorie curriculum calcio intende orientare lo studente ad una conoscenza professionale del settore specifico, attraverso la conoscenza del settore tecnico, biomedico, psicopedagogico, giuridico, economico ed organizzativo-gestionale. 
Il Corso di Studi risponde dunque ad una necessità di fondare i presupposti culturali e metodologici nella formazione professionale di operatori specializzati, dei dirigenti e dei manager che opereranno a tutti i livelli nel mercato sportivo di riferimento.

< Indietro

Traumatologia e riabilitazione nel calcio

Settore scientifico disciplinare Numero crediti formativi (CFU) Docenti
MED/33 MED/36 13 Prof. Roberta Danieli
Prof. Vincenzo Guzzanti
prof.ssa Daniela Grande

 

Insegnamento: Traumatologia e riabilitazione nel calcio

Docente: Vincenzo Guzzanti, Roberta Danieli, Daniela Grande

Anno di corso: III

Numero crediti formativi (CFU) Totali: 13

           

INFORMAZIONI GENERALI

Obiettivi dell’Insegnamento: Il corso prevede l’acquisizione da parte dello studente delle conoscenze delle caratteristiche e dell’evoluzione delle principali patologie dell’apparato muscolo-scheletrico legate anche al calcio ed osservabili durante lo svolgimento dell’attività sportiva. Comprendere il percorso clinico e per immagini necessario all’inquadramento diagnostico delle patologie del sistema muscolo scheletrico esposte nonché le varie possibilità di approccio terapeutico. Apprendere i principi generali della rieducazione funzionale dei calciatori con esito di patologie per programmare l’attività motoria e per recuperare i gesti atletici, generali e specifici. Conoscere e compren dere la fisiopatologia del tessuto osseo, del tessuto cartilagineo, del tessuto muscolare e dei tendini. Comprendere i quadri clinici e della diagnostica per immagini relativi alla patologia da sport e nello sport osservabili nelle diverse età della vita. Le problematiche cliniche e terapeutiche relative alle patologie esposte con attenzione anche agli sportivi in età evolutiva. I concetti di prevenzione (primaria, secondaria e terziaria) utili anche ad evitare con il fine ultimo di evitare l’artrosi precoce evolutiva secondaria. L’utilizzo diversificato delle tecniche di diagnostica per immagini utili a cogliere e monitorare le patologie osservabili negli sportivi. I percorsi riabilitativi differenziati per patologie e per segmenti scheletrici. L’importanza di fare riferimento ai dati bibliografici dell’area medica oggetto del corso e di aggiornare le informazioni in funzione di nuove reali acquisizioni.

 

Programma: Patologia del tessuto cartilagineo, del tessuto osseo , del tessuto muscolare e dei tendini . Nozioni generali di Traumatologia dell’apparato muscolo-scheletrico nelle diverse età della vita . Lesioni capsulo-legamentose del ginocchio e della tibio-tarsica nell’età adolescenziale e nell’età adulta. Principali traumi scheletrici dell’arto superiore ed inferiore nelle diverse età della vita . Paramorfismi e dismorfismi (malallineamento degli arti inferiori, disallineamenti e dismorfismi del rachide quali la Scoliosi , la Cifosi , la Spondilolisi e la Spondilolistesi). Concetti di prevenzione (primaria, secondaria e terziaria) delle principali patologie da sport e nello sport .Nozioni generali di artrosi evolutiva secondaria dell’anca e del ginocchio .La Diagnostica per immagini utilizzata negli sportivi. Generalità sulla traumatologia nel gioco del calcio analizzando i principali traumi muscolo-scheletrici. Cenni sulla modalità di formazione delle immagini utilizzate a scopo diagnostico con concetti basilari sulle moderne apparecchiature tomografiche e loro applicazioni nella patologia del calciatore.Analisi dei principali quadri clinico-radiologici nelle patologie traumatiche, nel sovraccarico funzionale, nell’instabilità articolare e nelle sindromi da “overuse”.Nozioni di rieducazione funzionale finalizzata al recupero dei calciatori.Comprendere la filosofia della riabilitazione in medicina dello sport.Conoscere il processo di guarigione dei traumi muscolo/scheletrici più comuni nel gioco del calcio e il programma riabilitativo alla base del recupero dell’atleta,dall’infortunio al ritorno in campo.

 

Testi consigliati:

F.Postacchini-E.Ippolito-A. Ferretti: Ortopedia e Traumatologia. A. Delpino Editore. 2009F. Benazzo, F.

Ceccarelli, G.Cerulli, M. D'Arienzo, L.de Palma, F. Franchin, S.Gatto, V.Guazzanti, R. Mora, V. Patella,

D. Ronca, M.A. Rosa, G.Sessa, U.Tarantino, C.Villani: Ortopedia e Traumatolgia. Monduzzi Editore, 2010

Guzzanti V. Pediatric and adolescent sports traumatology. Springer Verlag

Danowski- Chanussot : Traumatologia dello sport, 3 ed it, Masson , Milano 2004 • Moselli-Manca: Manuale di terapia fisica e riabilitazione, Edizioni Minerva Medica, Torino 2001.

William E. Prentice:Tecniche di Riabilitazione in medicina dello sport .

Pietro Pasquetti,Giuseppe Falcone: L’atleta infortunato:medicina riabilitativa.

Lars Peterson, Per Renstrom: Traumatologia dello sport. Prevenzione e terapia.UTET

S.Brent Brotzman,Kevin E.Wilk: La riabilitazione in ortopedia. Elsevier


Risultati di apprendimento attesi:

Acquisire conoscenze delle lesioni traumatiche a carico dell'apparato locomotore e della relativa fisiopatologia del tessuto osseo, articolare e muscolare, dei quadri patologici acuti e da sovraccarico legati la pratica sportiva, di alcune problematiche cliniche e traumatologiche dell'atleta, dello sportivo praticante, in particolar modo del calciatore, nelle diverse età della vita.

Acquisire i principi generali di utilizzazione delle varie metodiche di diagnostica per immagini nei diversi distretti e apparati; comprendere l’iter diagnostico/clinico/riabilitativo del soggetto traumatizzato svolto dagli specialisti di area medica.

 

MODALITÀ DI ESAME, PREREQUISITI, ESAMI PROPEDEUTICI

Modalità di accertamento dei risultati di apprendimento acquisiti dallo studente:

Tutti i contenuti trattati nell’ambito delle singole attività didattiche dell’insegnamento costituiscono oggetto di valutazione.

In itinere e al termine del corso la valutazione delle competenze acquisite dallo studente avverrà in forma scritta o attraverso un colloquio orale

 

Come si svolge l’esame

La valutazione finale avverrà nelle date d’appello previste dall’Ateneo e pubblicate in piattaforma, in modalità scritta o orale.

Prova scritta strutturata:

15 domande (scelta multipla, vero o falso con risposta motivata)

-ad ogni domanda viene assegnato un punteggio massimo di 2

-ad ogni risposta non data o errata viene assegnato ad un valore di 0

-ad ogni risposta corretta non motivata viene assegnato un valore di 0.25

 

Prova scritta non strutturata:

-5 domande aperte

-ad ogni domanda viene assegnato un punteggio massimo di 6

La prova orale consiste in un colloquio di una durata massima di 20 minuti per studente.

 

ORGANIZZAZIONE DIDATTICA

Attività didattiche previste

Le attività di didattica, suddivise tra didattica erogativa (DE) e didattica interattiva (DI), saranno costituite da 13 CFU e ripartite secondo una struttura di almeno 2,5 ore di DE (tenuta in considerazione la necessità di riascolto) e di 1 ora di DI per ciascun CFU.

Attività didattica erogativa (32,5 ore):

  • Lezioni frontali da circa 30 min, videoregistrate e sempre disponibili in piattaforma

Attività didattica interattiva (13 ore):

  • esercitazioni interattive
  • aule virtuali da 60 min,
  • forum tematici
  • esercitazioni individuali

L'articolazione tra DE e DI, per ciascuna unità didattica, sarà organizzata coerentemente con gli obiettivi formativi specifici di ciascun modulo. Ad ogni modo, in tutte le unità didattiche saranno garantite almeno un’ora di DE e un’ora di DI.

Attività di autoapprendimento:

  • Un test di autovalutazione, con domande a scelta multipla, per la valutazione delle competenze in ingresso al corso.
  • Un test di autovalutazione, con domande a scelta multipla, per la valutazione delle competenze in uscita dal corso.

 

Ricevimento: presso la sede di Roma. Previo appuntamento concordato via mail.

Richiedi informazioni sul corso:
Triennale - Scienze Motorie indirizzo Calcio

* Campi Obbligatori